ECOBONUS

images.jpg

Il DL Rilancio, che finalmente ha visto la luce, ha portato (art. 119) al 110 per cento l’aliquota di
detrazione per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio
2020 e fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari
importo qualora si intervenga sugli edifici esistenti con:

 interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano
l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda
dell’edificio medesimo [comma 1, lettera a) dell'art. 119];
 interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione
invernale esistenti con impianti centralizzati [comma 1, lettera b) dell'art. 119]:
o a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto;
o a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi;

o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi
di accumulo;
o di microcogenerazione;
 interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione
invernale esistenti con impianti [comma 1, lettera c) dell'art. 119]:
o a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi;
o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi
di accumulo;
o di microcogenerazione.

 tutti gli altri interventi di efficientamento energetico previsti all’articolo 14 del Decreto-
Legge n. 63/2013 (come ad esempio l'acquisto e posa in opera di finestre comprensive di

infissi, di schermature solari e di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con
impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di
prodotto), a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi
descritti nei suddetti punti [comma 2 dell'art. 119].

Per accedere all'Ecobonus e Sismabonus potenziato al 110% sarà necessario:
 il rispetto del decreto requisiti minimi (decreto Mise 26 maggio 2015);
 miglioramento di 2 classi energetiche dell'edificio o, se non possibile (perché si è già nelle
prime due classi) il conseguimento della classe energetica più alta da dimostrare mediante
l'attestato di prestazione energetica (APE) rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della
dichiarazione asseverata
 L'art. 119, comma 4 prevede la detrazione fiscale potenziata al 110% (comprese le spese
sostenute per la classificazione e verifica sismica degli immobili) anche per gli interventi
previsti dall'art. 16, commi da 1-bis a 1 septies del D.L. n. 63/2013 (c.s. Sisma Bonus), ovvero
per il miglioramento sismico mediante adozione di misure antisismiche (anche mediante
demolizione e ricostruzione) con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in
sicurezza statica, realizzati sulle parti strutturali di edifici o complessi di edifici collegati
strutturalmente e comprendere interi edifici (ubicati sulle zone sismiche 1, 2 e 3) e, ove
riguardino i centri storici, eseguiti sulla base di progetti unitari e non su singole unità
immobiliari.
Questa tipologia di offerta esclude totalmente l'esborso e/o l'anticipo da parte dei condomini di
qualsiasi spesa, sia essa principale per i lavori edili propriamente qualificati o accessoria per le spese
tecniche.

La LTB ENERGY SYSTEM fornisce supporto in tutto questo scenario avvalendosi della collaborazione

delle più prestigiose ed accreditate ESCO sul territorio nazionale, fornendo un valido ausilio per tutti 

coloro che sono interessati ad usufruire dell'ecobonus con cessione del credito.

Nei casi in cui non fosse possibile usufruire dell'ecobonus dell 110% si fa presente che rimangono 

attivi i bonus precedentemente esistenti al 50% e 65%, dove comunque è possibile avvalersi della

cessione del credito e rateizzazioni per la parte restante.

detrazioni.jpg
detrazioni-fiscali.jpg